La Fe.R.S.A.Co chiede alle istituzioni un sostegno economico e norme chiare per le associazioni corali

Lettera aperta della Presidente sul perdurare delle restrizioni dovute all'emergenza Covid-19

In qualità di presidentessa della Federazione Regionale Sarda Associazioni Corali Fe.R.S.A.Co auspico che sia data attenzione alla situazione di criticità nella quale versano ad oggi gli oltre 450 cori sardi.

Questa realtà, largamente radicata nel territorio, che coinvolge oltre quindicimila persone, contribuisce a mantenere vivo l’inestimabile patrimonio culturale e artistico della Sardegna. Inoltre la preziosa attività delle corali, sia di musica popolare che di musica polifonica colta, è determinante per offrire a molti giovani un percorso sano e costruttivo, e garantire alle fasce di età più mature la sopravvivenza di un patrimonio tradizionale plurisecolare.

Ad oggi, non abbiamo notizie di alcuna ordinanza regionale che riguardi il canto. Il perdurare delle condizioni di restrizione ha costretto le associazioni corali ad annullare o rinviare tutte le manifestazioni programmate per il 2020, con la conseguente perdita delle misure di sostegno economico. Molti cori nel periodo di quarantena, hanno organizzato sia le prove, sia i concerti in modo virtuale, avvalendosi soltanto dei Social.

Mi faccio portavoce di tutti i Cori soci della Federazione nell'esprimere l’esigenza di cantare. Pertanto invito le istituzioni a riflettere insieme sulla possibilità di riprendere le attività corali dal vivo cercando di trovare una soluzione per concedere un protocollo in sicurezza da osservare durante le prove.
I Comuni dispongono di ampie sale e luoghi all'aperto idonei. Credo che per permettere ai cori di ripartire sia dal punto di vista organizzativo, sia economico, si debba avere la giusta attenzione e collaborazione da parte della Regione Sardegna, in particolare degli assessorati alla cultura, al bilancio e alla programmazione.

Maria Maddalena Simile

Questo sito utilizza cookies propri e di altri siti. Se vuoi saperne di più . Continuando la navigazione ne autorizzi l'uso.